1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Contenuto della pagina

Protezione Civile

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE


Il Piano di Protezione Civile è stato approvato dalla Giunta Comunale il 22 maggio 2006 con Deliberazione n. 61.
Lo scopo principale della stesura del Piano, partendo dall'analisi delle problematiche esistenti sul territorio, è l'organizzazione delle procedure di emergenza, dell'attività di monitoraggio del territorio stesso e dell'assistenza alla popolazione. 
Lo studio e la redazione del Piano sono stati coordinati dal Servizio Intercomunale di Protezione Civile "Valtenesi Emergenza" con sede a Manerba in collaborazione con il nostro Ufficio di Vigilanza, così come previsto dalla convenzione approvata dal Consiglio Comunale nel settembre 2004.

Il Piano si compone di più parti:

 
  • Parte 0 - Premessa;
  • Parte 1 - Introduzione;
  • Parte 2 - Analisi del territorio;
  • Parte 3 - Gestione dell?emergenza;
  • Parte 4 - Cartografia;
  • Parte 5 - Programmazione degli interventi.
 

La Premessa e l'Introduzione approfondiscono i criteri di redazione ed aggiornamento del Piano, l'aspetto ed i riferimenti normativi nazionali e regionali, ed illustrano in maniera sommaria la composizione ed il funzionamento degli organismi previsti, partendo dal Consiglio Nazionale della Protezione Civile fino all'Unità di Crisi Locale.
L'Analisi del Territorio come primo aspetto espone l'inquadramento territoriale del Comune comprensivo dei principali dati su viabilità, popolazione e reticolo idrografico.
Dal secondo paragrafo emerge invece l'analisi dei rischi specifici relativi al Comune: rischio geologico e idrogeologico (rischi di frane, smottamenti e crollo di massi, alluvioni); rischio sismico (l'Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 marzo 2003 stabilisce l'appartenenza del Comune di Puegnago del Garda alla zona sismica 2 - rischio sismico elevato); rischi legati agli incidenti stradali; rischi relativi al transito di sostanze pericolose. 

All'interno di questa parte del Piano, sulla carta di sintesi delle infrastrutture, vengono ubicati gli immobili e i fabbricati esposti agli effetti dei fenomeni considerati, ed in particolare gli edifici strategici (Municipio) e quelli particolarmente vulnerabili per le loro caratteristiche, ovvero la possibile presenza nello stesso momento di un elevato numero di persone (Scuola Elementare "B. Munari", Scuola Materna "C. Brunati", Scuola Materna "Beato don G. Baldo", Chiesa Parrocchiale di S. Michele Arcangelo, Chiesa Parrocchiale Santa Maria della Neve, Casa di Riposo); vengono altresì indicate le aree e gli edifici utilizzabili in emergenza, localizzando nel campo sportivo di Raffa ed in quello di Puegnago le aree di ricovero della popolazione in caso di calamità, mentre come struttura di accoglienza viene prevista la Scuola Elementare.
La Gestione dell'Emergenza prevede i ruoli e le procedure da osservare in caso di eventi calamitosi o comunque al verificarsi di ogni emergenza classificata.
Il Sindaco, in qualità di autorità comunale di Protezione Civile, assume la direzione e il coordinamento dei servizi di soccorso ed assistenza alle popolazioni colpite; nel caso in cui la natura e la dimensione dell?evento calamitoso lo esigano, il Sindaco richiede l?intervento del Prefetto.
A livello comunale gli organismi operativi in emergenza sono rappresentati dal Referente Operativo Comunale e dall'Unità di Crisi Locale; il ROC costituisce un riferimento fisso e permanente, in costante reperibilità, cui spetta il compito, in periodi di normalità, di coordinare le attività di previsione e prevenzione, sovrintendere al Piano di Emergenza Comunale ed organizzare i rapporti con il Volontariato locale. In casi di emergenza il Sindaco si avvale dell'Unità di Crisi Locale i cui componenti mettono in atto il Piano di Emergenza e supportano il Sindaco nelle azioni decisionali, organizzative, amministrative e tecniche. Segue poi un'analisi delle procedure specifiche di intervento con l?indicazione di tempi, ruoli e modalità di intervento.
La Cartografia è composta da quattro tavole sulle quali sono indicati l'inquadramento territoriale, la sintesi delle infrastrutture, la sintesi delle pericolosità e le reti tecnologiche.
La parte dedicata alla Programmazione degli Interventi indica che per il Comune di Puegnago del Garda, sulla base dei dati e degli studi a disposizione, non si riscontra la presenza di situazioni di rischio tali da richiedere interventi urgenti per la loro sistemazione. È volontà dell'Amministrazione Comunale approfondire l'argomento della Protezione Civile insieme con la popolazione, in modo tale da diffondere e divulgare le informazioni principali che suggeriscono i comportamenti e le procedure da mettere in atto in caso di evento calamitoso.

 
 
 
 
 
 
 
 
LogoFooter

Piazza Beato Don Giuseppe Baldo n. 1
25080 Puegnago del Garda (Bs)
Centralino 0365.555311
Fax Segreteria 0365.555315
Fax Anagrafe 0365.554051
protocollo@pec.comune.puegnagodelgarda.bs.it