1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Contenuto della pagina
 

BUONO SOCIALE A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA’ GRAVE O IN CONDIZIONE DI NON AUTOSUFFICIENZA (DGR n. 2862 del 18/02/2020) Misura B2 - ANNO 2020

PRESENTAZIONE DOMANDE  DAL 15 MAGGIO AL 30 GIUGNO 2020

FINALITÀ DELL’INTERVENTO
Il buono sociale è finalizzato a sostenere l’autonomia della persona con disabilità che intende realizzare il proprio progetto di vita senza il supporto del caregiver familiare, ma avvalendosi dell’ausilio di un assistente personale, autonomamente scelto e assunto con regolare contratto.

DESTINATARI
Sono destinatarie di buono sociale per la vita indipendente le persone:
- di età compresa tra i 18 e 64 anni;
- con disabilità fisico-motoria grave o gravissima;
- che intendono realizzare il proprio progetto di vita senza il supporto del familiare ma con l’ausilio di un assistente personale;- residenti in un Comune dell’Ambito territoriale 11 del Garda.

ACCESSO ALLA MISURA E AMMISSIONE IN GRADUATORIA
Tutte le persone, sia quelle in continuità sia quelle di nuovo accesso, presentano istanza allegando:
- certificazione della condizione di gravità accertata ai sensi della L. 104/1992 art. 3, com. 3;
- attestazione reddito ISEE sociosanitario inferiore a 25.000,00 euro in corso di validità.

Coerentemente con la natura e le finalità dell’intervento sarà data priorità ai progetti a sostegno della vita indipendente già finanziati con la Misura B2 nel precedente anno.

TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI
I
I progetti dovranno riguardare la definizione di percorsi di accompagnamento volti a sostenere la persona con disabilità (grave o gravissima) che intenda realizzare il proprio progetto di vita senza il supporto della famiglia (caregiver familiare), ma con l’ausilio di un assistente personale autonomamente scelto e assunto con regolare contratto.
Il progetto deve prevedere:
• personale di assistenza assunto con regolare contratto di lavoro;
• personale di assistenza presente per un numero di ore adeguato ai bisogni della persona;
• definizione delle azioni/interventi che devono essere assicurate dall’assistente personale.

Le azioni possono riguardare tutti gli ambiti di vita della persona ed in specifico attività:
• di cura della persona (igiene, vestizione, alimentazione, mobilizzazione);
• di cura dell'ambiente domestico e di vita (organizzazione dell'abitazione, abbigliamento, preparazione pasti, commissioni e disbrigo pratiche);
• di supporto in ambito lavorativo e/o formativo;
• di sostegno all'inclusione sociale (partecipazione ad attività del tempo libero).

L'assistenza personale può essere complementare ad altri interventi e servizi domiciliari.
Sono esclusi dal finanziamento i progetti che prevedono l'inserimento (anche temporaneo) della persona in servizi diurni e residenziali.

Per ciascun beneficiario/a non è consentita la fruizione in contemporanea di più interventi della Misura B2 a valere sulle risorse ai sensi della D.G.R. 2862/2020.

PERSONALE IMPIEGATO
La persona con disabilità sceglie autonomamente il personale e provvede alla regolarizzazione del rapporto di lavoro con contratto professionale di tipo privato, nel rispetto della normativa vigente.
La titolarità e responsabilità della scelta e della gestione del rapporto di lavoro è unicamente in capo al/alla richiedente.
La documentazione attestante l’assunzione del personale di assistenza dovrà essere tenuta a disposizione per eventuali verifiche da parte del Comune di residenza.   

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 
Il/La richiedente presenta al Comune di PUEGNAGO DEL GARDA  la domanda utilizzando l’apposito modello (allegato A) corredato da:
- copia certificazione di gravità come accertata ai sensi dell’art. 3, comma 3 della legga 104/1992;
- copia attestazione ISEE SOCIO SANITARIO  in corso di validità;
- copia del documento di identità e del codice fiscale del richiedente;
- copia del documento di identità e del codice fiscale dell'eventuale beneficiario.

Il richiedente dichiara sotto la propria responsabilità la veridicità di quanto attestato e autorizza il Comune di Puegnago del Garda a verificare il rispetto di quanto dichiarato.
Il beneficiario (o suo delegato) ha l'obbligo di comunicare al Comune di Puegnago del Garda ogni variazione che comporti l’interruzione del diritto alla prestazione.

PER INFORMAZIONI E SUPPORTO NELLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA PER L'EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE A SOSTEGNO DELLA VITA INDIPENDENTE (allegato A) CONTATTARE GLI OPERATORI DEL COMUNE DI PUEGNAGO DEL GARDA UFFICIO SERVIZI SOCIALI dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 12.30 al seguente numero 0365-555309. 

Le istanze dovranno essere presentate al Comune di PUEGNAGO DEL GARDA ENTRO IL 30 GIUGNO 2020

VIA E-MAIL  servizi.sociali@comune.puegnagodelgarda.bs.it
OPPURE
CONSEGNA A MANO SOLO SU APPUNTAMENTO DA FISSARE AL NUMERO 0365-555309 nel rispetto delle misure di protezione e sicurezza previste dai Decreti in essere protezione civile.

Il Servizio Sociale del Comune di PUEGNAGO DEL GARDA  ad integrazione della Domanda (allegato A) provvede alla compilazione dellaScheda di valutazione e punteggio della fragilità sociale ADL IADL e Triage (allegato B) e alla stesura  del Progetto Individualizzato (P.I.) definito dal richiedente  con il supporto degli operatori sociali del Comune e dell’ASST competente.

Il Comune, verificata la completezza della documentazione, trasmette la documentazione all’Ufficio di Piano dell’Ambito (presso l’Azienda Speciale Consortile Garda Sociale).

 
 
 
LogoFooter

Piazza Beato Don Giuseppe Baldo n. 1
25080 Puegnago del Garda (Bs)
Centralino 0365.555311
Fax Segreteria 0365.555315
Fax Anagrafe 0365.554051
protocollo@pec.comune.puegnagodelgarda.bs.it