1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Contenuto della pagina

MISURA B2 <<BUONO SOCIALE>> A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA’ GRAVE O IN CONDIZIONE DI NON AUTOSUFFICIENZA (DGR n. 2862 del 18/02/2020) ANNO 2020


FINALITÀ DELL’INTERVENTO
La Misura B2 si concretizza in interventi di sostegno e supporto alla persona e alla sua famiglia per garantire una piena possibilità di permanenza della persona fragile al proprio domicilio e nel suo contesto di vita.
La misura si configura come potenziamento ed integrazione della rete di interventi rivolti alla persona disabile o comunque in condizione di non autosufficienza.
Il buono sociale è finalizzato a sostenere e compensare le prestazioni di assistenza assicurate dal caregiver familiare (autosoddisfacimento) o acquisite mediante assistente personale.
Le principali finalità dell’intervento sono:
•valorizzare la cura della persona non autosufficiente (anziana o disabile) al proprio domicilio, mediante l’intervento di un caregiver familiare o di un assistente familiare dedicato e regolarmente assunto;
•limitare o ritardare il ricovero in strutture residenziali;
•offrire alla famiglia un sostegno ulteriore ai bisogni e un’opportunità alla persona anziana o con disabilità per favorirne l’autonomia nelle attività della vita quotidiana e di relazione.

PERSONE DESTINATARIE
Per l’accesso al buono sociale è necessario:
•avere una età superiore a 18 anni (compiuti al 31/12/2019);
•essere non autosufficienti assistiti al domicilio in modo continuativo;
•essere in condizione di gravità accertata ai sensi dell’art. 3, comma 3 della legge 104/1992 oppure in possesso della certificazione di invalidità con indennità di accompagnamento di cui alla legge n. 18/1980 e successive modifiche/integrazioni con L. 508/1988;
•appartenente ad un nucleo familiare con reddito ISEE sociosanitario inferiore a € 25.000,00;
essere residente in un Comune dell’Ambito 11 del Garda.

Possono beneficiare del buono sociale:
1. persone disabili o in condizione di non autosufficienza che risiedono o sono domiciliati con i familiari in grado di garantire loro un accudimento continuativo (caregiver familiare).
2. persone che vivono sole, avvalendosi dell’assistenza prestata da un assistente familiare personale (es. badante) - assunto con regolare contratto di almeno 40 ore settimanali - in grado di garantire loro le necessarie funzioni di assistenza.

Le condizioni che consentono l’accesso alla misura devono essere autocertificate dal/dalla richiedente, fatta eccezione per i seguenti documenti, che dovranno essere allegati in copia cartacea all’istanza:
1. certificazione della condizione di gravità ai sensi dell’art. 3, comma 3 della legge 104/1992 ovvero dell’indennità di accompagnamento, di cui alla legge n. 18/1980 e successive modifiche/integrazioni con L. 508/1988;
2. attestazione reddito ISEE in corso di validità (ai sensi della vigente normativa art. 6 DPCM 159/2013).
Qualora al momento della presentazione della domanda non fosse disponibile l’attestazione ISEE aggiornata, la stesso potrà essere presentata successivamente alla data di scadenza dell’AVVISO, ma in ogni caso entro e non oltre il 31 luglio 2020.

ACCESSO ALLA MISURA E PRIORITÀ DI AMMISSIONE IN GRADUATORIA
Tutte le persone, sia quelle in continuità sia quelle di nuovo accesso, presentano istanza allegando le certificazioni previste all’art. 2 del presente Avviso.
Nessuna priorità viene fissata per la continuità delle persone già in carico alla Misura B2 con l’annualità FNA precedente.
Si specifica che hanno priorità d’accesso alla Misura le persone che:
-non sono in carico alla Misura RSA aperta ex DGR n. 7769/2018;
- non beneficiano di interventi o di sostegni integrativi di carattere assistenziale erogati da Enti pubblici o privati o da Enti previdenziali (es. INPS/Home Care Premium).

ENTITÀ DEL BUONO
Il valore economico mensile determinato per il buono sociale è stato differenziato per prestazioni assistenziali assicurate da:
• caregiver familiare € 200,00
• assistente personale (assunto con regolare contratto di almeno 40 ore settimanali e con decorrenza antecedente al 01.01.2020) € 400,00

Per le persone frequentanti unità di offerta sociali e socio sanitarie semiresidenziali per disabili il buono per caregiver familiari è stato ridotto ad € 50,00 mensili.

Il contributo sarà erogato per un massimo di 9 mesi, con decorrenza dal 01.04.2020 al 31.12.2020.
Non potrà essere concesso più di un contributo per nucleo famigliare e per convivenza anagrafica (es. comunità religiose).

Il buono sociale non costituisce reddito ai fini fiscali e previdenziali, e può essere cumulato con analoghe provvidenze erogate dagli Enti Locali e dagli istituti previdenziali.

MODALITÀ DI UTILIZZO DEL BUONO SOCIALE
Il buono sociale è finalizzato all’attivazione di prestazioni sociali indirizzate all’assistenza e al sostegno diretto della persona al domicilio, quali:
•cura dell’igiene personale;
•aiuto nell’alzata e messa a letto;
•aiuto nell’assunzione e/o somministrazione dei pasti;
•assistenza e aiuto nella deambulazione, mobilizzazione, vestizione e nella gestione delle altre attività quotidiane;
•prevenzione delle piaghe da decubito;
•controllo e sorveglianza per il riposo notturno;
•aiuto e controllo nell’espletamento delle normali attività quotidiane, sia all’interno all’abitazione sia in rapporto con l’esterno.
La concessione del buono sarà subordinata alla valutazione multidisciplinare integrata e alla definizione e sottoscrizione di un Progetto Individuale (P.I.) contenente gli interventi che saranno sostenuti con il buono sociale e che vedrà coinvolti gli operatori sociali del Comune e dell’ASST, la persona richiedente e/o la sua famiglia (o un delegato).

INCOMPATIBILITÀ E COMPATIBILITA’ DEL BUONO SOCIALE CON ALTRI INTERVENTI
L.’erogazione del buono Misura B2 è incompatibile con:
•accoglienza definitiva presso Unità d’offerta residenziali socio sanitarie o sociali (es. RSA, RSD, CSS, Hospice, Misura Residenzialità per minori con gravissima disabilità);
•Misura B1;
•contributo da risorse progetti di vita indipendente - PRO.VI - per onere assistente personale regolarmente impiegato;
•ricovero di sollievo nel caso in cui il costo del ricovero sia a totale carico del Fondo Sanitario Regionale;
•ricovero in riabilitazione/Sub acute/Cure intermedie/Post acuta;
•presa in carico con Misura RSA aperta ex DGR n. 7769/2018;
•Bonus per assistente familiare iscritto nel registro di assistenza familiare ex l.r. n. 15/2015.
In caso di decesso/inserimento definitivo in struttura residenziale il contributo sarà interrotto.

L’erogazione del buono Misura B2 è compatibile con:
•i Voucher anziani e disabili ex DGR n. 7487/2017 e DGR n. 2564/2019;
•interventi di assistenza domiciliare: Assistenza Domiciliare Integrata, Servizio di Assistenza Domiciliare;
•interventi di riabilitazione in regime ambulatoriale o domiciliare:
•ricovero ospedaliero;
•ricovero di sollievo per adulti per massimo 60 giorni programmabili nell’anno, per minori per massimo 90 giorni;
•sostegni DOPO DI NOI riferiti esclusivamente per canone di locazione o per spese condominiali per persone disabili con progetto di vita indipendente;
•prestazioni integrative previste da Home Care Premium/INPS HCP ad eccezione di erogazione di specifici contributi.

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA E DI EROGAZIONE DEL BUONO
Il/La richiedente presenta al Comune di PUEGNAGO DEL GARDA  la domanda utilizzando l’apposito modello (allegato A) corredato da:
 • copia certificazione di gravità come accertata ai sensi dell’art. 3, comma 3 della legga 104/1992 ovvero certificazione di invalidità con indennità di accompagnamento, di cui alla legge n. 18/1980 e successive modifiche/integrazioni con L. 508/1988;
 • copia attestazione ISEE socio sanitario in corso di validità;
 • copia del documento di identità e •copia del codice fiscale del richiedente e del beneficiario (se diverso dal richiedente).
Il richiedente dichiara sotto la propria responsabilità la veridicità di quanto attestato e autorizza il Comune di Puegnago del Garda a verificare il rispetto di quanto dichiarato.

PER INFORMAZIONI E SUPPORTO NELLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA PER L'EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE (allegato A) CONTATTARE GLI OPERATORI DEL COMUNE DI PUEGNAGO DEL GARDA UFFICIO SERVIZI SOCIALI dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 12.30 al seguente numero 0365-555309. 

Le istanze dovranno essere presentate al Comune di PUEGNAGO DEL GARDA ENTRO IL 30 GIUGNO 2020
VIA E-MAIL  servizi.sociali@comune.puegnagodelgarda.bs.it
OPPURE
CONSEGNA A MANO SOLO SU APPUNTAMENTO DA FISSARE AL NUMERO 0365-555309 nel rispetto delle misure di protezione e sicurezza previste dai Decreti in essere protezione civile.

Il Servizio Sociale del Comune di PUEGNAGO DEL GARDA  ad integrazione della Domanda (allegato A) provvede alla compilazione dellaScheda di valutazione e punteggio della fragilità sociale ADL IADL e Triage (allegato B) e alla stesura  del Progetto Individualizzato (P.I.) definito dal richiedente (e dalla sua famiglia) con il supporto degli operatori sociali del Comune e dell’ASST competente.

Il Comune, verificata la completezza della documentazione, trasmette la documentazione all’Ufficio di Piano dell’Ambito (presso l’Azienda Speciale Consortile Garda Sociale).

L’Ufficio di Piano formulerà le graduatorie di Ambito sulla base dei criteri stabiliti e l’Azienda Speciale Consortile GARDA SOCIALE provvederà direttamente alla liquidazione dei sostegni ai beneficiari.
Si prevede lo scorrimento delle graduatorie di Ambito, ovvero il subentro di nuovi assegnatari laddove decada il diritto in capo ad uno o più beneficiari.



 
 
 
LogoFooter

Piazza Beato Don Giuseppe Baldo n. 1
25080 Puegnago del Garda (Bs)
Centralino 0365.555311
Fax Segreteria 0365.555315
Fax Anagrafe 0365.554051
protocollo@pec.comune.puegnagodelgarda.bs.it